Sit de coltura e attualità
al cent per cent in lengua milanesa
Invia i tuoi messaggi a:
info@elmilanes.com
...el Giovann Polli del Pierluigi Crola

Cicciararemm on ciccinin cont on giornalista che l'ha faa de la difesa di lingu e di coltur squas ona mission.

Prima de tutt ona quai riga per fatt conoss.

Second el register del brolett me ciami Giovanni Marco Polli, ma mì preferissi doperà el pussee possibil el mè nòmm in piemontes, la mia lingua regional d'origin. Sont on giornalista professionista e lavori per el giornal La Padania, indove me sont occupaa per tanto temp di problèma di lingu e coltur regionai ò minoritari. Da 8 ann, on para de vòlt la settimana, foo el conduttor, su Radio Padania Libera, de on programma coltural, "Lingue e Dialetti", dove tra informasion, notissi e pontei che riguarden la valorittasion di idiòma locai, cerchi de fà parlà i scoltador el pussee possibil in la soa lingua d'origin. Trusci, poeu, cont el sostegn de Enti e associazion, per fà passà la Lingua piemontesa anca in di scòl, on lavorà quest, faa per la Region Piemont. Infin, son molto interessaa a la valorizzazion "moderna" del patrimòni musical etnich e popolar del nòster territòri e di tòn celtich de l'Euròpa.

Come l'è nassuda sta passion per i lingu e coltur locai?

Hoo cominciaa, in la prima metà di ann '90, a occupamm de la rivalutasion del dialett del Cusi, area piemontesa visina al confin con la Lombardia, in virtù de l'inconter cont on gran poetta, el Nivod dël Cavagnàt, ch'el saria poeu diventaa on esempi de come la lingua regional la pò esprimes a livei molto alt anca in di sò variant "estrèmm". Da quell momemt hoo lavoraa con tanti associasion piemontes ligaa a nissun partii politich e hoo traa insèma anca in del Verban-Cusi- òssola, on grupp de volontari, che s'hinn ciamaa "Compagnìa dij Pastor". I pégor, però, gh'entren nagòtt: a Omègna, indove l'è nassuda l'associasion, i "pastor" hinn i cius del Lagh d'òrta …. I "Pastor" se dann de fà per la promosion de la Lingua e de la coltura subalpina, presentaa in manifestasion different inerent i coltur celtich. La pussee "antiga" l'è la Festa dël Solstìsi d'Estaa, fada per la prima vòlta in del 1996. Sta rassègna de giugn l'è on moment indole femm vedè al pubblich come se pò, a l'istèss temp, lavorà, divertendos e fasendo divertì, per presentà musica, ball, lingua, mangià e bev, sensa però borlà dent in del "folclor" pussee scadent. A vess sincer, gh'hoo de dì che la strada che hoo faa per rivà a sti argoment l'è pròppi curiosa. In cà mia se parlava minga la lingua local. Ma la mia nòna, da part de pader, mòrta in del 1979, quand mì gh'avevi 13 ann, la m'ha insegnaa quaicòss. E m'è restada anca ona registrazion de quand gh'avevi 6/7 ann e la "intervistavi", facendola cicciarà in "dialett" … Poeu, tanto temp dòpo, quand hoo incontraa el Nivod dël Cavagnàt, l'è vegnuu foeura l'amor per quella che l'avaria dovuu vess la mia identità, se me n'avessen minga inse­gnada, anca se saria pussee corrett dì impòsta, on'altra, soratutt a scòla.

Da còssa l'è partida l'idea de on programma radiofonich?

Radio Padania Libera l'è la testada de on moviment poitich che da semper - nissun pò negall, la se batt per la valorissasion di lingu e di coltur locai in la società. Quand, in del 1997, la radio l'ha cominciaa i trasmission con sto nòmm chì, lavoravi giamò da on quei mes al giornal. Allora l'editor el m'aveva domandaa se podevi occupamm de sto argoment anca per la radio. L'è nassuu inscì el programma che in origin el se ciamava "Lingue e dialetti della Padania", on programma faa per tornà a dà importansa e vos ai lingu tajaa de sta area geografica e coltural, grazie soratutt a l'intervent in diretta di ascoltador, che parlaven spess e volentera doperand la soa lingua mader. Poeu me sont incorgiuu ch'el saria staa pussee util "slargass" ai alter lingu tajaa d'Euròpa. La trasmission l'è diventada, allora, domà "Lingue e dialetti" e hoo taccaa a trattà anca i argoment e i problèma de alter minorans, denter e foeura de l'Italia. Hoo parlaa in tanti occasion anca di lingu meridionai, in particolar del sicilian, del calabres, del napoletan e del sardegnoeu, tirando in ball anca òspit che cicciaraven in la soa lingua mader. Hoo poduu constataa con piasè che tanti ascoltador hann ciamaa, infolarmaa perchè inscì podeven conoss alter pòpol e coltur che gh'hann, in general, i nòster problèma, cioè de vess semper pussee senza radis. A dispett de quei che anmò incoeu pensen che sta radio e sti argoment sien sinònim de division e rassismo, ròbb che numm, al contrari, combattom con fòrsa. "Lingue e dialetti", inveci, in onda tutti i martedì e venerdì dai 14 ai 14.45, l'è ona trasmission "de attacch" coltural, donca minga per fòrsa ligada al partii politich de riferiment. L'è per quest che el mè pubblich l'è trasversal: spess me telefonen persònn che disen de vess de opinion politica opposta a quella de l'editor, ma che stime nel lavorà che femm su sti argoment. Del rest, anca i mè òspit hinn musicista, scrittor e òmen de coltura che spess gh'hann opinion politich different di mè, ma che come mì senten l'importansa per la battaglia comun a favor di diritti di minorans linguistich e colturai. Lògica conseguensa el sottotitol del mè programma: "trasmission che la combatt contra la globalissasion coltural a favor de quei che hinn ò ris'cen de trovass sensa radis.

CICCIARADA CON...